INDUSTRIA 4.0 E “BONUS INVESTIMENTI SUD”: ora sono cumulabili

maxim hopman fiXLQXAhCfk unsplashIl credito d’imposta, introdotto dal Bilancio 2020 (articoli da 184 a 197, legge n. 160/2019), in sostituzione delle discipline dell’iper e del super ammortamento, per gli investimenti in beni strumentali nuovi funzionali alla trasformazione tecnologica 4.0, non è un aiuto di Stato, ma un’agevolazione di carattere generale destinata a tutte le aziende. Pertanto, lo stesso è cumulabile con il credito d’imposta mezzogiorno(bonus sud), in relazione ai medesimi investimenti, a condizione che tale cumulo non superi il costo sostenuto per l’investimento.

L’Agenzia delle entrate, con la risposta n. 157/2021, osserva che in presenza di misure di carattere generale, tale divieto viene meno e, in particolare, che il bonus fiscale per gli investimenti “Industria 4.0” è regolato da una norma di carattere generale. Lo conferma il comma 192 dell’articolo 1 della legge di bilancio 2020, il quale testualmente prevede che “Il credito d'imposta è cumulabile con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi, a condizione che tale cumulo, tenuto conto anche della non concorrenza alla formazione del reddito e della base imponibile dell'imposta regionale sulle attività produttive di cui al periodo precedente, non porti al superamento del costo sostenuto”.

Il “comma 192 – pertanto si legge nella risposta fornita dall’Agenzia delle Entrate – prevede testualmente che Il credito d’imposta è cumulabile con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi, a condizione che tale cumulo, tenuto conto anche della non concorrenza alla formazione del reddito e della base imponibile dell’imposta regionale sulle attività produttive di cui al periodo precedente, non porti al superamento del costo sostenuto “.

“La disciplina del credito di imposta per investimenti nel Mezzogiorno – aggiunge la nota – prevede la cumulabilità, a determinate condizioni, di tale benefìcio con altri aiuti di Stato, non escludendo espressamente la possibilità di cumulo con misure di carattere generale”.

Nella risposta n. 360, l’Agenzia delle Entrate ha confermato che le agevolazioni fiscali di Industria 4.0 (Transizione 4.0) sono cumulabili con il bonus investimenti Sud.

I benefici sono cumulabili

Alla luce della corretta interpretazione delle diverse normative in vigore in relazione all’accesso al Bonus, l’Agenzia delle Entrate conferma quindi la cumulabilità dei due benefici per le aziende con sede Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo.

“In relazione alla cumulabilità del credito di imposta per investimenti nel Mezzogiorno e del credito di imposta per investimenti in beni strumentali introdotto dalla legge di Bilancio 2020 – conclude la nota – si ritiene che, in relazione ai medesimi investimenti, sia possibile cumulare i due benefìci, a condizione che tale cumulo non porti al superamento del costo sostenuto per l’investimento”

Articoli correlati