2023 - Modifiche al Testo Unico di Salute e Sicurezza

immagine articolo 8Il Testo Unico in materia di sicurezza sul lavoro è ormai un manuale che determina la bussola indispensabile a orientarsi nel panorama degli obblighi, delle responsabilità e della gestione del rischio, per ogni azienda.

Nonostante obblighi e sanzioni però, molto spesso la cronaca riporta la nostra attenzione su quanto ambienti di lavoro (e non solo) possano essere oggetto di eventi spiacevoli e infortuni.

Le istituzioni stanno sempre più catalizzando il proprio interesse verso interventi che possano arginare il rischio, e rendere le parti interessate in azienda (Datori di Lavoro, RSPP, ASPP, ecc..) sempre più consapevoli e capaci di elaborare processi di lavoro sicuri.

E’ proprio sulla scia di questo rinnovato interesse, che il Decreto del Lavoro 48/2023, approvato dal Consiglio dei Ministri il 1° maggio 2023 ed in vigore dal 5 maggio 2023, contiene diversi provvedimenti che ampliano obblighi, responsabilità e prevenzione passati:

  1. All’articolo 18 prevede l’obbligo di “nominare il medico competente per l’effettuazione della sorveglianza sanitaria nei casi previsti dal presente decreto legislativo e qualora richiesto dalla valutazione dei rischi di cui all’articolo 28”. Questo significa che contrariamente al passato, ora il RSPP e il Medico Competente durante la sorveglianza sanitaria possono inserire l’obbligo della sorveglianza anche se non si tratta di un caso previsto dall’art. 41.
  2. L’ 21 decreta che le misure di tutela per la salute e sicurezza previste nei cantieri temporanei o mobili, si estendono ai lavoratori autonomi, soprattutto riguardo le opere provvisionali previste dal Titolo IV del D. Lgs. 81/2008, a cominciare dai ponteggi. In questo modo si contrasta la prassi pericolosa legata all’utilizzo di opere provvisionali inidonee, elemento che viene valutato da parte del committente al momento della verifica della idoneità tecnico-professionale, obbligatoria ai sensi dell’art. 26 e del titolo IV del D.Lgs. n. 81/2008.
  3. L’ 25 invece, introduce un doppio obbligo in capo al Medico Competente: far recuperare al lavoratore la propria cartella sanitaria dal precedente Datore di Lavoro, e nominare il proprio sostituto nel caso in cui lui sia impossibilitato al lavoro. Il medico ha l’obbligo di consegnare copia della cartella sanitaria e di rischio al lavoratore alla cessazione del rapporto di lavoro del lavoratore e di consegnare all’azienda l’originale che verrà conservata per almeno 10 anni. Nel caso di mancata consegna della cartella è prevista una sanzione per il medico: arresto fino a un mese o ammenda.
  4. La novità dell’ 72 è che non è più solo il Datore di Lavoro che prende a noleggio l’attrezzatura a dover essere formato riguardo all’utilizzo della stessa (e a dare l’autocertificazione), ma ora lo devono fare anche tutti i Soggetti che prendono a noleggio o in concessione d’uso la stessa attrezzatura. L’obbligo di formazione e addestramento, dunque, è esteso a Datore di Lavoro e a tutti i soggetti che ne faranno poi uso.
  5. Sempre in materia di estensione dell’obbligo formativo, parla anche l’ 73 che riporta gli obblighi del datore di lavoro in materia di Informazione, formazione e addestramento dei lavoratori incaricati dell’uso di attrezzature di lavoro che richiedono conoscenze e responsabilità particolari. Anche al Datore di Lavoro è esteso l’obbligo di essere formati e addestrati all’uso di attrezzature particolari.
  6. In chiusura, l’87 si sofferma sulle sanzioni per datori e altri soggetti in materia di attrezzature, per il mancato addestramento e formazione del datore di lavoro o del dirigente per l’utilizzo di attrezzature particolari e di noleggio delle stesse.

Asset 21 ha a catalogo alcuni dei principali corsi in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro.

Affidate a noi per formare Responsabili e Addetti a Prevenzione e Protezione, Pes/Pav, Datori di Lavoro e personale dedicato alle procedure di Antincendio e Primo Soccorso!

Per maggiori informazioni, cliccando qui puoi visitare l’area del nostro sito dedicata ai corsi a catalogo.

Seguici sui social e rimani aggiornato sui nostri servizi di aggiornamento delle competenze e formazione!

Articoli correlati