Credito d’imposta ALBERGHI
ossia il credito d’imposta per la riqualificazione e il miglioramento delle strutture ricettive turistico-alberghiere (decreto agosto 2020) - Prorogato fino al 31 dicembre 2021 -

Tipologia:

CREDITO D’IMPOSTA

Storia, COS’È :

Per migliorare la qualità dell'offerta ricettiva del nostro Paese ed accrescere la competitività delle destinazioni turistiche, il Decreto cultura e turismo, ha previsto un credito d'imposta a favore delle "imprese alberghiere" esistenti alla data del 1° gennaio 2012 che effettuino interventi di ristrutturazione della struttura.

Il credito d'imposta è stato poi oggetto di successive modifiche, ad opera delle finanziarie, che ha aggiornato le regole attuative di questa agevolazione.  Dal 2018 infatti possono accedere al beneficio anche gli stabilimenti termali.

Con il Decreto Agosto del 2020 è stato rifinanziato e potenziato il bonus ristrutturazione alberghi che prevede un credito di imposta del 65%.

Questa normativa appare particolarmente interessante in quanto agevola molti interventi che non erano ricompresi in precedenti agevolazioni (con le quali peraltro non è compatibile).

Alcuni esempi interessanti sono: Installazione di impianti fotovoltaici, realizzazione di impianti elettrici, termici ed idraulici finalizzati alla riduzione del consumo energetico (es. illuminazione led, attrezzature a classe energetica elevata)

Beneficiari:

Tutti i soggetti esercenti attività ricettiva, Imprese alberghiere esistenti al 01/01/2012 con almeno 7 camere.

Le strutture ricettive che possono richiedere il bonus sono:

  • alberghi,
  • villaggi-albergo,
  • residenze turistiche,
  • alberghi diffusi,
  • condhotel,
  • marina resort
  • agriturismi
  • stabilimenti termali
  • strutture ricettive all’aria aperta

Agevolazione:

sotto forma di credito d’imposta in misura pari del 65% delle spese sostenute nel 2020 e/o 2021, al netto dei contributi ottenuti sul valore della regola "de minimis" eventualmente fruiti.

Credito di imposta massimo € 200’000,00

Spese ammissibili:

GLI INTERVENTI AMMISSIBILI sono:

  • interventi di ristrutturazione edilizia
  • interventi di eliminazione delle barriere architettoniche
  • interventi di incremento dell’efficienza energetica
  • spese per l’acquisto di mobili e componenti d’arredo
  • interventi di manutenzione straordinaria
  • interventi di restauro e risanamento conservativo
  • interventi per l'adozione di misure antisismiche

Per gli stabilimenti termali:

realizzazione di piscine termali e per l’acquisizione di attrezzature e apparecchiature necessarie per lo svolgimento delle attività termali

i suddetti interventi hanno validità a condizione che :

  • il beneficiario non ceda a terzi né destini a finalità estranee all'esercizio di impresa i beni oggetto degli investimenti prima dell'ottavo periodo d'imposta successivo;
  • gli interventi abbiano anche finalità di riqualificazione energetica/antisismica.

Limite di spesa:

Il credito d’imposta spetta fino ad un massimo di 200.000 euro per ciascun beneficiario, nel limite complessivo di 180 milioni di euro per ogni anno 2020/2021.

PRESENTAZIONE:

La domanda per il bonus ristrutturazione alberghi deve essere sottoscritta dal legale rappresentante dell'impresa e deve contenere una serie di informazioni propedeutiche all’ottenimento.

Modalità di fruizione del credito:

è utilizzabile nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di sostenimento della spesa ovvero in compensazione in unica soluzione.

Le modalità operative di presentazione della domanda (NON più Click Day) verranno stabilite nel dettaglio con apposito aggiornamento al decreto originario

Contattaci per informazioni
Campi obbligatori.
Campi obbligatori.
Campi obbligatori.
Puoi chiamarci al:
+39 080 6192265
puoi scriverci su:
E – mail area amministrativa:
info@asset21.it

E – mail area tecnica:
transizione4.0@asset21.it

Pec:
asset21@pec.it